L’APE – Attestato di Prestazione Energetica

L’APE – Attestato di Prestazione Energetica

L’Attestato di Prestazione Energetica (APE) è un documento ufficiale, valido 10 anni, prodotto da un soggetto accreditato (certificatore energetico) e dai diversi organismi riconosciuti a livello locale e regionale. generalmente, il ruolo del certificatore energetico è ricoperto da un tecnico abilitato, come ad esempio un architetto, un ingegnere o un geometra. questi possono essere sia dipendenti di enti pubblici oppure operare all’interno di società private. La sua utilità al momento ha quattro scopi principali:
  • per il rogito: l’attestato di prestazione energetica di un immobile è richiesto per gli atti notarili di compravendita. dal 23 dicembre 2013, l’assenza dell’ape comporta sanzioni comprese tra 3.000 e 18.000€, a carico di entrambe le parti.
  • per i contratti d’affitto: dal 23 dicembre 2013 l’assenza dell’ape comporta sanzioni compresa tra 1.000 e 4.000€, a carico di entrambe le parti, che ne rispondono in solido e in pari misura. le sanzioni sono ridotte della metà per contratti di durata inferiore ai 3 anni.
  • per l’accesso alle detrazioni del 65% sul reddito irpef: l’attestato energetico è parte della documentazione necessaria per ottenere gli sgravi fiscali.
  • per pubblicizzare annunci immobiliari, in quanto dal 1º gennaio 2012 è divenuto obbligatorio indicare la classe energetica delle unità immobiliari.
  • per ottenere dal GSE gli incentivi statali sull’energia prodotta da impianti fotovoltaici; è un allegato obbligatorio ai sensi dell’Art. 7 del DM 7 luglio 2012 per gli impianti installati su edifici, che rientrano nel quinto conto energia (entrati in esercizio successivamente al 27 agosto 2012).
Con l’introduzione dei decreti attuativi da parte di diverse regioni, si sono costituiti organismi che supervisionano i professionisti abilitati alla redazione dell’attestato energetico. L’attestato energetico o “attestato di prestazione energetica” è il documento che stabilisce in valore assoluto il livello di consumo dell’immobile inserendolo in un’apposita classe di appartenenza. più è bassa la lettera associata all’immobile, maggiore è il suo consumo energetico. L’attestato di prestazione energetica non è obbligatorio nei seguenti casi:
  • immobili destinati a luoghi di culto;
  • edifici “secondari” come legnaie, portici, piscine, gazebo, ecc. e quelli rustici, ovvero senza infissi, rifiniture e impiantistica;
  • fabbricati non abitativi (garage, cantine, depositi, ecc.);
  • fabbricati agricoli non residenziali e privi di riscaldamento;
  • fabbricati isolati con una superficie utile minore di 50 m²;
  • fabbricati industriali e artigianali particolari riscaldati per esigenze particolari – come le serre – oppure climatizzati tramite la combustione di residui del processo produttivo non utilizzabili in altro modo.